Continuano proficui i rapporti con Sezioni e Gruppi – news aggiornatissime

Il Capogruppo  e vari soci si adoperano continuamente per allacciare o rafforzare i rapporti con Gruppi Alpini della Sezione di Parma, ma anche dislocati  sul territorio nazionale e non; sono frequenti scambi di visite e partecipazioni reciproche a raduni. Di seguito sono riportate testimonianze relative ad alcuni Gruppi Alpini fra i tanti che sono a contatto con quello di Collecchio dalla fine dell’anno 2017 in poi.

Albareto:  è stato festeggiato il Reduce Alpino Livio Dallaturca di 101 anni alla presenza di amici (fra cui il Presidente R. Cacialli) e famigliari in occasione dei suoi 101 anni.

Il Reduce indicato dalla freccia

Organizzata la Festa del tesseramento 2018. Nell’occasione il Gruppo ha donato 1000 Euro alla Banda ed altrettanti alla Scuola materna del paese. Bilancio notevole nel campo della solidarietà da parte del Gruppo della Valtaro guidato da Ezio Schiavetta; la generosità degli Alpini di Albareto ha permesso di donare anche 6.000 Euro ad Amatrice, fondi derivanti da varie attività svolte nel 2017. Per l’anno 2019 gli Alpini di Albareto chiederanno di organizzare il Raduno sezionale. Anche gli Alpini di Albareto hanno festeggiato Marco Botti (Reduce di Cefalonia ed ex Sindaco per 37 anni) per i suoi 100 anni di età. Gli Alpini della Valgotra e diversi volontari hanno provveduto, coordinati dal Consorzio agro – forestale e dai Carabinieri forestali, hanno attuato la pulizia di una parte della valle. Il Comune ha messo ha disposizione i mezzi necessari. Tesseramento 2019 con S. Messa, cerimonia per i caduti e S. Messa, il tutto nell’insegna del Raduno sezionale del prossimo giugno che vedrà mobilitati soci e simpatizzanti guidati dal Capogruppo Enzo Schiavetta. Il Reduce (foto a ds) Enrico Gennari “è andato avanti”; classe 1922, fu combattente nel Btg “Tolmezzo” – Div. “Julia” – nella campagna di Russia da cui ritornò con gli arti inferiori seriamente compromessi dal freddo. Ebbe un piede amputato per il congelamento; ciò non gli ha impedito di continuare la sua vita di agricoltore nella zona di Albareto con la famiglia.

Enrico Gennari

Grande cordoglio ha suscitato la morte improvvisa a soli 52 anni dell’Alp. Giovanni Riccoboni. il decesso è avvenuto in Svizzera dove si trovava per lavoro con il suo camion. Nel tempo libero partecipava ai raduni alpini e ad attività di Volontariato soprattutto nella Valgotra.

Giovanni Riccoboni

Bardi: i soci del paese della Valceno si sono ritrovati per il tesseramento 2018. Solenne cerimonia per ricordare i Caduti della Grande Guerra con S. Messa celebrata da Don Luigi Pini, sfilata ed Onore ai Caduti.

Bedonia: una delegazione degli Alpini dell’Alta Valtaro guidata dal Capogruppo P. Masala ha fatto visita agli anziani ospiti della Casa di riposo “Rossi – Sidoli” di Compiano per festeggiare l’Epifania. I fisarmonicisti di Tiedoli hanno portato una nota di ulteriore simpatia ed allegria. I soci ha organizzato il raduno del tesseramento con la presenza della Banda del paese G. Miller; l’assemblea dei soci dei Comuni di Bedonia, Tornolo e Compiano ha eletto il nuovo Consiglio e confermato Paolo Masala Capogruppo. Gli Alpini del Bedoniese hanno presenziato ai festeggiamenti dell’81° anniversario della posa della statua della Madonna sul monte Penna a 1735 d’altezza.

La statua della Vergine in cima al monte Penna

E’ stato festeggiato il il 101mo compleanno dell’Alpino Luigi Filiberti da parte di tanti amici e parenti; egli vive in ottima salute a Carniglia, frazione di Bedonia.

Luigi Filiberti

Diversi Alpini del Gruppo hanno collaborato nelle differenti fasi dell Festa di S. Lorenzo che è stata organizzata nella frazione della Valceno di Cornolo.  Il 4 Novembnre a Compiano, in collaborazione con l’Ist. Naz. Guardia d’Onore alle Tombe reali del Pantheon, nel cimitero sono stati collocati i cippi in pietra riportanti i nomi dei 31 Caduti del territorio nel 1° conflitto mondiale. Anche il Gruppo Alpini ha partecipato all’inaugurazione di una piazza a Tarsogno dedicata al Soldato  del luogo Giuseppe Camisa (cl. 1899) ucciso da proiettile nemico sul fronte italo – austriaco durante la Grande Guerra. Come tutti gli anni gli Alpini dell’Alta Valtaro con il Capogruppo P. Masala hanno trasorso la festa della Epifania con gli anziani ospiti della Casa di Riposo Rossi – Sidoli di Compiano. Hanno portato allegria i fisarmonicisti di Tiedoli. Raduno di inizio 2019 per gli Alpini di Bedonia, Compiano e Tornolo; presenti il Presidente R Cacialli, l’Assessore di Bedonia M. B. Rossi, il Sindaco di Tornolo M. C. Cardinali e quello di Compiano S. Delnevo, il Comandante dei CC di Bedonia F. Tasca, il delegato provinciale di Ingdtp R. Spagnoli. La Banda “G. Miller” ha accompagnato la sfilata dei tanti Alpini e simpatizzanti presenti al Raduno per la chiesa di S. Antonio per la S. Messa celebrata da Mons. L Ferrari. Dopo l’Onore ai Caduti si è tenuto il rituale “rancio”. Sono stati premiati per i 50 anni ed oltre di adesione all’A.N.A.  B. Bergamini, G. Squeri, M. Mocellin, A. Bertoli, L. Calamini, R. Mutti, N. Chignoli, V. Folli, I. Biasotti, L. Belli, G. Delucchi.

Bore: l’appuntamento agostano ha avuto ottimo riscontro di partecipazione anche fra gli emigrati. Presente, gradito ospite, il Gen. Cesare Di Dato.

Borgo Val di Taro: come tutti gli anni il gagliardetto del Gruppo è stato presente alla commemorazione dei sette partigiani che furono uccisi alle pendici del passo Santa Donna il 6 gennaio 1945 nel corso di un rastrellamento delle truppe nazifasciste. Il Partigiano Alpino Salvatore Zanrè “è andato avanti” Anche quest’anno gli Alpini borgotaresi hanno dato il loro contributo concreto per l’organizzazione e l’attuazione della Festa dedicata a S. Anna in località Cavanna. Nell’ambito delle cerimonie  religiose riguardanti il Patrono di Borgotaro S. Rocco anche gli Alpini locali sono stati oggetto di Benedizione da parte del Parroco do Primo Ruggeri dato che fanno parte della grande famiglia del Volontariato. La comunità borgotarese, ed il Gruppo Alpini in specie, salutano uno dei componenti loro più cari: Giuseppe Delnevo, attivo nel Volontariato (Vigile del fuoco) e cacciatore (foto a ds).

Giuseppe Delnevo

E’ stato inaugurato un nuovo mezzo che gli Alpini ed i Volontari della Prociv A.N.A. possono utilizzare per i loro servizi; nella sede del Gruppo è stato inoltre installato all’esterno un defibrillatore. Nell’occasione è stato benedetto il nuovo gagliardetto del Gruppo alla presenza di Autorità e di vari Gruppi. Il Presidente sezionale Roberto Cacialli ha avuto parole di elogio per queste ultime iniziative. Cena benefica in baita organizzata  per aiutare il piccolo Thomas Brigati di sei anni di Bedonia affetto da una grave malattia degenerativa; la partecipazione di commensali è stata massiccia. Commercianti e privati hanno fornito prodotti ed alimenti; il ricavato, pari a 1750 Euro, è stato interamente versato su apposito conto corrente. La baita è stata messa a disposizione degli anziani ospiti del “Centro diurno Selene Conti” di Tiedoli per alcune ore in allegria fra cibi locali e fisarmonica. La Pro loco ha assegnato l’ambito premio “Fungo d’oro” al Gruppo Alpini per avere profuso impegno nella riscoperta della storia, tramandandola ai giovani, e per le attività di solidarietà. Paolo Rampini è stato confermato Capogruppo nel corso della riunione dei soci agli inizi del 2019 e sarà supportato da un valido Consiglio; è stato stilato a grandi linee un programma di massima per i prossimi mesi. Singolare “gemellaggio” fra Borgotaro e Follo – La Spezia; si sono infatti incontrati Alpini delle due località con Amministratori ed operatori del settore, oltre al Presidente dell’Associazione culturale borgotarese “A: Emanuelli” G. Bernardi sul tema dei piatti poveri della tradizione.

Calestano:  dopo tre mandati P. Angelo Pisi ha passato l’incarico di Capogruppo a Giuseppe Bruschi, già suo Vice. E’ stato eletto per il triennio 2018 – 2021. Il nuovo Capogruppo è molto conosciuto in paese e nel territorio per il sostegno che dà all’associazionismo come volontario. Gli Alpini di Collecchio ringraziano Pisi (a sin. nella foto con Bruschi) per la sua importante opera svolta in tanti anni ed augurano al nuovo Capogruppo “buon lavoro!”.

Alpini, studenti e docenti della Scuola media del capoluogo hanno effettuato un viaggio sui luoghi della   Grande Guerra. Il Capogruppo Bruschi ha fatto da guida al Museo di Vittorio Veneto ed al Sacrario dove riposano 9500 Caduti. E’ stata allestita una mostra sulla Grande Guerra in collaborazione con le Scuole del paese. Romolo Boschi “è andato avanti”. Egli è stato da sempre di riferimento per il territorio della Valbaganza e non solo ,partecipe di innumerevoli iniziative fra cui il restauro e la manutenzione della chiesetta sul monte Montagnana.

Colorno: dopo 27 anni Angelo Modolo lascia la guida del Gruppo della “Bassa” a Luigi Buia, Alpino dell’8° Rgt – Brig. Julia. Il nuovo Capogruppo si è detto orgoglioso di essere il riferimento degli Alpini colornesi nel ricordo del fondatore del Gruppo Gino Saracchi. Auguri da Collecchio al nuovo Capogruppo e grazie di cuore ad Angelo per tutto il lavoro svolto anche se continuerà in Sezione a Parma in qualità di Vicepresidente. Il Gruppo ha organizzato il ricordo di Don Carlo  Gnocchi. L’evento, a cui ha partecipato organizzativamente anche la Sezione di Parma, ha avuto il clou nella S. Messa celebrata nel Duomo di Colorno, accompagnata dal Coro “Monte Orsaro”. Il Parroco Don Benedini ha benedetto il nuovo gagliardetto del Gruppo alla presenza della Madrina Matilde Galli. E’ seguita la sfilata fino al monumento ai Caduti.

Sono stati letti i nomi dei 167 Caduti colornesi nella 1^ Guerra mondiale nel corso delle solennni e partecipate cerimonie per il 4 Novembre.

Corniglio: suggestiva e con grande partecipazione è stata la fiaccolata organizzata con gli Alpini di Calestano e di  Berceto per ricordare l’indelebile tragedia dell’inverno 1921 in cui morirono quattro bimbi  in località “La Vecchia” mentre si trasferivano da un parente durante una notte di tormenta.. Ci ha lasciati l’ultimo reduce l’Art. da Mont. Gino Mochi; fu internato in Germania.

Gino Mochi

Gino Mochi durante la “naja”

Un altro lutto ha colpito il Gruppo di Corniglio. Perde un altro valido collaboratore, sempre presente nel Volontariato locale: l’Alpino Osvaldo Vescovi. Muratore per quarantanni non si è mai tirato indietro per l’A.N.A. e per aiutare gli altri.

Osvaldo Vescovi ad un’adunata

L’annuale festa del Gruppo, con la partecipazione del Sindaco Alpino Giuseppe Delsante, ha seguito il tradizionale programma  nonostante la giornata nevosa. Pranzo benefico per raccogliere fondi a favore di un compaesano che ha subito un grave incidente a seguito del quale è stato sottoposto a importante operazione. Alpini di Collecchio e di Corniglio si ritrovano ogni anno anticipando il Raduno nazionale in una caratteristica trattoria del territorio montano sotto il motto “aspettando l’Adunata”. Anche prima del grande e sentito appuntamento di Trento l’evento si è ripetuto nella tradizionale amicizia; non è mancato il Maestro Nando Donnini, importante punto di riferimento del Cornigliese e dintorni. Anche il Sindaco (Alpino) Giuseppe Delsante ha partecipato al pranzo. Luigi Abbati, con la sua fisarmonica, ha come sempre animato ulteriormente le ore trascorse insieme. Per lì occasione è stato realizzato un cartellone a colori per annunciare l’appuntamento; è stato esposta nella sala del pranzo.

Il cartellone esposto

Alcuni dei presenti fra cui il Sindaco Alpino G. Delsante ed il Maestro N. Donnini

Durante la cerimonia del 4 Novembre sono state ritirate dai famigliari 36 medaglie commemorative  in ricordo di altrettanti Caduti della Grande Guerra abitanti nel Comune, iniziativa promossa dalla Regione Friuli e dal Ministero della Difesa. Amministratori (era presente il Sindaco Giuseppe Delsante), Alpini, rappresentanti di Associazioni (fra cui ANPI) e cittadini hanno ripercorso l’itinerario dei cippi e delle lapide dedicate ai Partigiani caduti nel novembre 1943 a causa del rastrellamento dei nazi – fascisti. Corniglio mobilitato per la presentazione del libro di Tonino Lucchi sui suoi paesani che hanno partecipato alle varie guerre in Africa orientale, in Libia e durante la Grande Guerra; apporto importante del Gruppo Alpini, del M° Donnini e dell’Amministrazione Comunale rappresentata dal Sindaco Delsante. Gli anziani ospiti della Comunità alloggio “Baratta” hanno trascorso alcune ore in allegria insieme agli operatori a cura del Gruppo Alpini e di luigi Abbati con fisarmonica. Con il motto “Il nostro impegno per il paese” il confermato Capogruppo Franco Graiani (foto a sin) ha iniziato il suo nuovo mandato dopo la rielezione avvenuta da parte degli iscritti nel corso dell’assemblea 2019; egli, ringraziando, ha mostrato soddisfazione per l’entrata nel Consiglio di nuovi soci. Il Gruppo in questi anni è cresciuto alquanto offrendo collaborazione a chiunque con senso di appartenenza al territorio; per tali numerosi impegni Graiani ha ottenuto sempre l’aiuto di diversi soci. All’assemblea erano presenti il Sindaco Delsante, il Maresciallo dei CC Mangoni, il Consigliere Naz. Azzi, il Presidente della Sezione di Parma Cacialli e diversi Consiglieri. La giornata si è conclusa con la S. Messa e l’Onore ai Caduti.

Franco Graiani confermato Capogruppo

Cordoglio in tutto il territorio per la morte di Erminia Cerdelli di anni98, la “rezdora” degli Alpini essendo stata per lunghi anni la cuoca del Gruppo locale; era sposta con Faliero Cerdelli che è stato sicuramente la figura di Alpino più importante del dopoguerra a Corniglio e con il quale ha condiviso la vita famigliare e quella dell’A.N.A.

Erminia Cerdelli

Felino: doppio spazio sul “L’Alpino” del dic. 2017 per due reduci del Gruppo . Bruno Piazza, reduce di Russia, ha festeggiato i 97 anni, mentre Rinaldo Coruzzi ne ha compiuti 95. Oltre al Capogruppo Flavio Spaggiari sono intervenuti vari Alpini, alcuni Consiglieri sezionali ed il Presidente Roberto Cacialli. Ci uniamo volentieri beneauguranti agli amici felinesi. Il Gruppo ha organizzato il 3° Raduno della Val Baganza in coincidenza del 95° anniversario della sua costituzione con la collaborazione di altri Gruppi della vallata. Collecchio ha presenziato con gagliardetto e vari soci. Il Gruppo ha partecipato alla organizzazione dell’evento per ricordare i Caduti dell’eccidio di Cefalonia e Corfu’ del 1943. La cerimonia ha avuto luogo presso l’ex Scuola primaria di Poggio di S. Ilario alla presenza delle Autorità e del Parroco. Molto apprezzati sono stati gli interventi di Roberto Spocci e di Fabrizio Prada, Presidente dell’Associazione Nazionale Divisione Acqui di Parma. E’ seguito un rinfresco. Il Comune di Felino, che ha patrocinato l’evento, era rappresentato dal Sindaco Elisa Leoni. Alpini, membri della Polisportiva a cittadini si sono ritrovati a Poggio di S. Ilario per un momento conviviale. Nuovo capogruppo dal marzo 2019 designato dall’assemblea dei soci svoltasi nella sede di Poggio S. Ilario; è  Giorgio Frigeri che ha sostituito il bravo Flavio Spaggiari (nella foto con il golf di colore rosso) che è stato Capogruppo per quattro mandati; a Frigeri gli auguri di “buon lavoro” dagli amici di Collecchio, mentre ringraziamo Flavio per quanto ha dato al suo Gruppo ed all’A.N.A.

Flavio Spaggiari, col golf rosso, con i suoi Alpini fra cui Frigeri nuovo Capogruppo

Fidenza: la raccolta di fondi durante le Festività di fine anno sotto il nome di “Telethon” ha avuto l’appoggio del Gruppo locale presso due Centri commerciali cittadini (Conad e Coop), con ottimi risultati. Gli Anziani del “Pensionato Alberto” della città hanno ricevuto gli Auguri di Buon Natale e felice 2018 da una nutrita delegazione di Alpini. Annuale Raduno a Montemanulo. Benvenuto Corradi (“Pacio”) è andato avanti dopo lunga malattia da lui combattuta fino all’ultimo. Figura molto conosciuta a Fidenza e dintorni, donatore AVIS, ha lasciato nella costernazione amici e famigliari; aveva 67 anni. Siamo vicini ai suoi cari ed ai tanti amici.

L’Alp. Benvenuto Corradi

E’ stata consegnata alla nipote dell’Alpino  Aurelio Mangiavacca, disperso in Russia nel 1943, la “piastrina” ritrovata da un cittadino russo; la commovente cerimonia è avvenuta in occasione della ricorrenza del 4 Novembre. per Telethon  2018 diversi Alpini del Gruppo del Gruppo hanno dato la loro collaborazione.

Fontanellato: pranzo sociale per il tesseramento 2018. Al termine dell’evento gli Alpini fontanella tesi hanno donato un defibrillatore alla comunità che sarà installato nella zona del chiosco, vicino al Santuario. Ferrari Livio ha accolto amichevolmente in baita gli Alpini di Pescantina (VR) in gita al Santuario ed al borgo; rituale scambio di omaggi. “E’ andato avanti” a 87 anni Renato Bettati che fondò il Gruppo Alpini locale (foto in alt a ds). Ebbe l’idea del rancio “della leva” destinato ai diciottenni realizzato ogni il 2 giugno in sede; fu anche consigliere comunale.

Renato Bettati

il Gruppo ha donato un defibrillatore alla cittadinanza. L’importante strumento è stato installato nei pressi del Santuario dedicato alla Vergine, luogo che vede spesso molte persone presenti anche perché vi è posto un caratteristico box per produrre “torta fritta”. All’inaugurazione erano presenti il Sindaco ed il Capogruppo Livio Ferrari.

Fontevivo: Gianni Guerci ha chiamato a raccolta gli Alpini della Sezione di Parma e non solo per il raduno annuale. La rappresentanza di Collecchio ha partecipato la domenica mentre il Coro del Gruppo, diretto dal M° R. Fasano, ha effettuato un apprezzato concerto nella chiesa dell’abbazia; il raduno è stato organizzato anche per ricordare il Volontario Alpino Fulvio Coruzzi, tragicamente scomparso pochi anni fa.

Fulvio Coruzzi

Il Sindaco Fiazza ha consegnato al Gruppo Alpini ed alla Protezione Civile A.N.A. di Fontevivo, durante il Raduno, una targa in segno di ringraziamento per il lavoro svolto nello scorso dicembre in occasione della piena del fiume Taro.

Il Capogruppo G. Guerci ritira il riconoscimento dal Sindaco Fiazza

Ricordato, come sempre, la domenica precedente, l’anniversario del 4 Novembre.

Fornovo Taro: nel centenario della Grande Guerra è stata inaugurata una mostra presso la Sede municipale che ha visto collaborare con il Gruppo locale l’Amministrazione Comunale, l’Ist. Naz. Guardia d’Onore Reale Tombe del Pantheon ed Assoarma di Parma. Nel corso del pranzo del tesseramento 2018 sono stati consegnate benemerenze a tre soci particolarmente attivi: Mario Oliva, Pio Sozzi e Giuseppe Stefanini. Splendida gita in pullman sul lago di Como con riferimento organizzativo il Gruppo locale di Albate da anni amico dei Parmensi; la quarantina di partecipanti ha effettuato una deliziosa navigazione in barca sul lago a cui è seguita una visita ai monumenti più significativi del centro cittadino. La sede del Gruppo albatese ha ospitato i gitanti (fra cui dei collecchiesi ed il Capogruppo di Gaiano A. Amadasi)  per un ottimo rancio fra canti tradizionali, terminato con il rituale scambio di omaggi.

Fraterno incontro con gli Alpini di Albate

Scambio di omaggi fra il Capogruppo di Fornovo T. C. Paganuzzi e quello di Albate P. Bergna (in primo piano A. Amadasi)

“E’ andato avanti” un emblema del Gruppo fornovese, l’Alpino G. Franco Trauzzi, sempre presente e instancabile collaboratore. Il Gruppo di Collecchio lo ha avuto partecipe ai Raduni locali ed a gite; sono ricordate le sue caratteristiche di uomo ed di Alpino gentile, generoso e grande lavoratore.

G. Franco Trauzzi

Anche l’Alpino Romano Schiappa è “andato avanti”; conosciutissima figura di imprenditore nel settore dell’edilizia, abitante a Sivizzano di Fornovo Taro, ha sempre portato alti i valori della “penna nera”.

Romano Schiappa

Diversi soci hanno raccolto fondi per sostenere AISM organizzando un banchetto davanti al Centro commerciale Conad di Ricò,

Gianni Pierotti alla Conad di Ricò per la raccolta benefica

Gli alunni e gli insegnanti della Scuola di Ricò hanno fatto visita alla sede del Gruppo Alpini nell’ambito di un’iniziativa che aveva l’obiettivo di fare conoscere ai ragazzi le varie Associazioni di Fornovo Taro; sono stati accolti da numerose Penne nere. Come tutti gli anni è iniziato il tesseramento (del 2019) con Alpini in piazza che hanno offerto caldarroste e vin brulè. Diversi Alpini si sono ritrovati presso la Residenza “Vasini” del Capoluogo per oprtare un memento di allegria agli anziani ospiti ed al personale della Struttura; hanno collaborato CONAD di Ricò per la merenda ed alcuni amici con i loro strumenti per l’accompagnamento musicale alquanto gradito. E’ stato il turno del Gruppo di Fornovo Taro di organizzare il Raduno denominato “Tre cime”. Consegnati riconoscimenti a famigliari di Caduti della Grande Guerra. La Banda del paese ha dato un ulteriore tono di ufficialità e di allegria; l’Assistenza Volontaria Croce Verde ha preparato il rancio presso il Foro 2000. Il gagliardetto di Collecchio era presente con il Consigliere Giuseppe Campi.

La sfilata per i borghi del paese

Alcuni Alpini fornovesi al Raduno

Gaiano: sono state organizzate tre serate all’insegna della tradizione e della musica anni ’60, con buona cucina, inserite all’interno del programma del “Settembre collecchiese 2018” (sotto l’egida del Comune di Collecchio) con il ricavato destinato a sostenere il Circolo ARCI ed attività locali. Il Coro A.N.A. Monte Orsaro e la Corale M. Dellapina hanno effettuato un concerto benefico a favore della lotta contro la S.L.A. organizzato dal Gruppo Alpini locale, di Parma e dalla Parrocchia; l’evento si è tenuto in chiesa a Gaiano. Il giorno dopo ancora al lavoro per una “castagnata” favorita dal bel tempo. Diversi soci si sono impegnati per la “Raccolta alimentare 2018” davanti al supermercato CONAD di Collecchio.

Langhirano: gli Alpini ed il Sindaco Giordano Bricoli hanno consegnato un riconoscente omaggio al Volontario Maurizio Gallantini che raccoglie con impegno rifiuti di ogni genere sul ciglio delle strade del paese. Ancora in prima linea nella beneficienza; la raccolta a favore di Telethon ha fruttato 1.430 Euro con un banchetto istituito presso il Centro commerciale Val Parma. Il Gruppo di Langhirano ha organizzato il 2° Raduno della Val Parma insieme ai Gruppi di Santa Maria – Lesignano, Bosco di Corniglio e Corniglio in concomitanza del 90° della sua fondazione; il programma ha proposto anche una mostra di cartoline e di cartoline di soldati langhiranesi dal fronte della Grande Guerra;  sono stati ricordati in una distinta cerimonia i Caduti dovuti all’affondamento della nave “Galilea”. Il Comune di Langhirano ha dato il suo patrocinio. Il nostro Gruppo era ben rappresentato dai Consiglieri Davide Gardini e Fabrizio Zinelli (foto sotto).

Gli ospiti dei Centri diurni di Langhirano,  Lesignano B., Neviano A. e Tizzano V.P. hanno trascorso alcune ore in allegria, gustando torta fritta e salumi; l’evento è stato organizzato dalle “penne nere” langhiranesi in collaborazione con la Coop Sociale Proges. Donato un defibrillatore alla Scuola primaria del capoluogo. La lunga storia del Gruppo Alpini di Langhirano, nato nel 1928, è stata raccolta in un libro con la consulenza principale di Giovanni Conforti, già Capogruppo e Vicepresidente sezionale a Parma. La presentazione è avvenuta nella Sala del Consiglio Comunale alla presenza del Sindaco Bricoli, del Consigliere Nazionale Azzi, del Presidente Sezionale Cacialli, del Capogruppo Pavesi, di tanti Alpini e cittadini.  Fra gli astanti anche il Reduce del Gruppo Giacopinelli. Claudio Magnani ha introdotto l’evento  illustrando i contenuti più importanti del libro e  mettendo in evidenza l’operosità  dell’autore mediante  una costante presenza ultracinquantennale nell’A.N.A. Si sono succeduti vari interventi che hanno ulteriormente descritto i meriti di Giovanni Conforti, degli Alpini del Gruppo di Langhirano nei 90 anni di vita e dell’A.N.A. in generale. Ci rallegriamo per questa importante iniziativa che aggiunge un nuovo tassello all’informazione sugli Alpini parmensi e, specificatamente della Bassa Valparma, come auspicato da tempo dal Presidente sezionale Cacialli. Complimenti sinceri a Giovanni per il suo grande impegno dimostrato in tantissime occasioni, ultima delle quali la stesura del libro presentato, ed ai suoi Alpini a cominciare dall’attuale Capogruppo Pavesi !!!

Giovanni Conforti al tavolo dei ralatori

Il libro

Il Reduce Giacopinelli con il Consigliere nazionale Azzi

Gli Alpini ed il Comune di Langhirano hanno consegnato una pergamena ricordo ai famigliari degli Alpini Caduti nella 1^ guerra mondiale in occasione della Ricorrenza del 4 novembre. L’Alpino. già Capogruppo, Vicepresidente e tuttora Consigliere Sezionale, Giovanni Conforti “è andato avanti” soccombendo alla grave malattia che da anni lo aveva colpito. Il  Capogruppo Claudio Magnani ed il Gruppo di Collecchio sono vicini al suo  Gruppo ed alla sua famiglia, memori dell’amicizia che lo ha sempre legato a Collecchio fino dai tempi del Capogruppo Pierino Pazzoni.

Giovanni Conforti

Per la raccolta Telethon di fine anno 2018 gli Alpini langhiranesi hanno contribuito alla raccolta che ha raggiunto la cifra di 1815 Euro in due giorni. Dopo poche settimane dalla dipartita di Giovanni Conforti “è andato avanti” anche l’Alpino Luigi Venturini, da tanti anni iscritto al Gruppo ed attivo sostenitore.

Luigi Venturini

Valter Pavesi è stato riconfermato Capogruppo dall’assemblea dei soci avvenuta agli inizi del 2019; anche il Presidente sezionale Roberto Cacialli ha presenziato all’evento nella sede del Gruppo. Prima delle votazioni Pavesi ha rammentato le molte iniziative realizzate nel 2018 fra cui numerose donazioni (ad es. oltre 1800 Euro raccolti con l’iniziativa di Telethon).

Valter Pavesi, Capogruppo riconfermato

Perfetta organizzazione per ospitare gli Alpini verone di Pastrengo e di Pescantina a Parma e dintorni; dopo il rancio ottimo in baita è stata organizzata una visita ad un salumificio locale.

Valter Pavesi consegna il libro sulla storia del Gruppo agli ospiti veronesi

Lesignano B. – S. Maria del Piano:  raduno annuale per il tesseramento 2018. E’ stato devoluto un assegno di 1000 Euro alla Croce Verde di Langhirano; inoltre è stato presentato anche il calendario 2018Il socio Gianfranco Ziveri “è andato avanti” a soli 69 anni; il gruppo piange un Alpino laborioso e collaborativo.

Gianfranco Ziveri

Dopo pochi mesi un altro lutto ha colpito questo Sodalizio; ci ha lasciato l’Alpino Pierino Tirelli di 84 anni.

Pierino Tirelli

Gli Alpini locali hanno contribuito all’organizzazione del Concerto corale in occasione della consegna delle benemerenze  2018 “S. Michele” a cura dell’Amministrazione Comunale; l’evento ha avuto luogo nella chiesa di Badia Cavana con un ottimo successo di pubblico; la benemerenza è stata consegnata anche a loro dal Sindaco Cavatorta per le molteplici attività svolte, ritirata più che meritatamente dal Capogruppo Bussoni. A Mulazzano l’Alpino Luigi Drapelli ha messo a disposizione un museo sulla Grande Guerra nella propria abitazione raccogliendo numerosi reperti del conflitto 15/18. Il tutto è nato dal ritrovamento di lettere dal fronte di suo nonno e da gite sul lago di Misurina dove egli ha potuto reperire residuati bellici di vario tipo.

Medesano: Alpini del Gruppo hanno partecipato alla cerimonia per ricordare le 25 vittime del rastrellamento nazifascista del 5 e 6 gennaio 1945 nella frazione di Varano Marchesi. E’ stato organizzato il pranzo tradizionale di Carnevale nella sede del Gruppo a base di maiale e purè. Sono stati ricordati coloro che sono “andati avanti” con una S. Messa “al campo”. Sono stati donati 1000 Euro alla sezione della Croce Rossa di Medesano destinati a contribuire all’acquisto di una nuova autolettiga. La sede ha ospitato numerosi anziani del paese per trascorrere un pomeriggio in allegria; Giacomo Maini ha cantato e suonato la fisarmonica per tutti. La “baita” è stata oggetto di furto da parte di ignoti che sono entrati da una finestra posta posteriormente; i delinquenti hanno asportato pochi Euro, ma hanno causato danni e sporcato i locali. L’Alpino Enrico Chiapponi (anni 97 portati bene) ha raccontatola sua vicenda a Nikolajewka ai corrispondenti della nota trasmissione TV “Le jene”; egli è stato già testimone  nel libro di G. Bedeschi “A Nikolajewka c’ero anch’io”. Infine ha partecipato ad un convegno in merito a Lanciano organizzato da UNIRR dove ha raccontato la sua esperienza. “Nozze d’oro” per 21  soci iscritti da 50 ed oltre anni all’A.N.A. con consegna di pergamene da parte della sezione di parma rappresentata dal Presidente Vicario G. Adorni, dal Consigliere F. Elia e dal Gen. G. Ferrari. Per i due soci “andati avanti” il riconoscimento è stato consegnato ai famigliari dal Capogruppo M. Zelaschi che nella circostanza ha ricordato i molti impegni che attendo il Gruppo nel corso del 2019.

I soci premiati in baita a Medesano

Mediano: l’Alpino Luciano Rossi di anni 78 “è andato avanti”. Il Gruppo perde un valido collaboratore.

Luciano Rossi

Molino d’Anzola: annuale raduno in occasione del tesseramento. Gli alunni delle classi prime di Bedonia sono stati accolti dagli Alpini di Anzola per una lezione didattica di approfondimento sulle realtà culturali della nostra montagna; fra coloro che li hanno accolti anche la famiglia di Francesco Federici che ricevette l’anno scorso il premio dell’ANA “Fedeltà alla montagna”.  annuale Raduno (del 2019) per il più piccolo Gruppo della Sezione. Nonostante la giornata piovosa sono convenuti nella frazione dell’Alta Valceno numerosi Alpini e cittadini anche dalle province limitrofe. Il Presidente Cacialli, l’Assessore bedoniese Molinari ed il Capogruppo Chiappari hanno dato il benvenuto a tutti; dopo la S. Messa e l’Onore ai Caduti tradizionale “rancio”. Due nobili gesti del Gruppo guidato da G. Paolo Chiappari: donazione di un potente generatore di corrente al Nucleo di P.C. della frazione ed un’ulteriore consegna di un defibrillatore alla comunità che è stato installato vicino al bar di Molino d’Anzola. Ciò è frutto di diverse manifestazioni il cui ricavato è appunto andato in gran parte in beneficienza.

Monchio: il Capogruppo Gianni Pigoni ha guidato i suoi Alpini alla partecipazione per la ricorrenza del 4 Novembre; gli studenti dalla Scuola hanno letto i nomi degli 86 Caduti del paese. L’Alpino Giulio Lanzarotti (foto a fianco) “è tornato a casa” a Valditacca da cui partì ventenne soldato per il fronte russo dove perse la vita su un treno, da prigioniero, verso la città di Kirow,  700 km ad est di Mosca. I suoi resti sono stati ritrovati insieme a quelli di altri dodici militari dopo 76 anni da volontari riuniti  nel Sodalizio “Italian recovery Team” che hanno lavorato a fianco di un’analoga Associazione  russa.  Le spoglie dell’Alpino sono state accolte prima dal Tempio di Cargnacco, in Friuli, con una cerimonia alquanto ben organizzata, alla presenza del Gruppo di Monchio, di altri Alpini della Sezione di Parma e dei famigliari; successivamente l’urna è stata accolta dalla comunità di Valditacca per essere tumulata nel cimitero locale, dopo l’Alzabandiera e la S. messa.  Anche in questa frazione in tanti hanno presenziato commossi, il Presidente sezionale Cacialli e tanti Alpini hanno reso omaggio a Giulio Lanzarotti  che finalmente riposa nella sua Valle.

L’Alpino Giulio Lanzarotti in divisa quando partì per la Russia

Montechiarugolo: il cittadino di Martorano Francesco Secchi di 19 anni ha scelto la “Naja” professionale; la sua decisione è stata alquanto apprezzata dal Capogruppo Gianni Giuffredi e dall’Ammininistrazione Comunale rappresentata dall’Ass. Valerio Fontanesi. i soci hanno confermato Gianni Giuffredi nella carica di Capogruppo nel corso dell’assemblea del 2019 che si è tenuta nella sede di Piazza di Basilicanova. Erano presenti per la Sezione ANA di Parma Giuseppe Busi e per l’Amministrazione Comunale l’Assessore al Volontariato Valerio Fontanesi. E’ stato pure nominato il Consiglio che supporterà Giuffredi.

Il Capogruppo Gianni Giuffredi confermato è al centro dei suoi Alpini

Neviano A.: si è tenuto il 2° Raduno della Val d’Enza in questo paese con la collaborazione dei Gruppi di Mediano, Scurano, Montechiarugolo e Traversetolo, come un appuntamento “di valle”. Il nostro gagliardetto era presente  con diversi soci. Ha accompagnato il Raduno la Banda di Montechiarugolo. Non è voluto mancare il Consigliere Nazionale Mauro Azzi dato che si è proceduto a reinaugurare questo il Gruppo di Neviano Arduini.

Il neocostituito Gruppo ed “I Cantori del Fuso” hanno organizzato una gita sul Monte Grappa con diversi amici del territorio; l’iniziativa si è collocata all’interno della Ricorrenza del 4 Novembre. Gli alunni della Scuola media del paese sono stati accompagnanti dagli Alpini del Gruppo e da quelli di Scurano ad una visita didattica nella città di Trento, in particolare presso la mostra nelle Galleria di Piancastello intitolata “Ultimo anno 1917 – 1918” in riferimento al centenario della fine della Grande Guerra. Al ritorno essi hanno incontrato a Neviano A. Roberto Cacialli e Eliseo Ronchini, Presidente e Vicepresidente della Sezione ANA di Parma. E’ stato presentato il primo calendario del Gruppo per l’anno 2019. Il Gruppo di Neviano Arduini (dopo la fusione fra Vezzano, Campora e Mediano) ha ora una sede il località Sella di Mediano; è l’edificio della ex scuola. Sinceramente soddisfatto il Capogruppo Luigi Picchi anche per la presenza di diversi gagliardetti e del labaro sezionale. Dopo la Benedizione dei locali ad opera di Don Elio Piazza e l’Alzabandiera fra i canti del Coro “Cantori del Fuso”, ha preso la parola il Sindaco Alessandro Garbasi.

Un’immagine dell’inaugurazione della nuova sede.

Gruppo  e comunità di Vezzano in lutto per la scomparsa dell’Alpino Giorgio Casoni (a ds nella foto), figura alquanto conosciuta e laboriosa.

L’Alp. Giorgio Casoni

Noceto: grande sforzo del Gruppo guidato da Fernando Crepaldi per organizzare il 67° Raduno sezionale. Ottima è stata la collaborazione soprattutto dell’Amministrazione Comunale. Il programma ha previsto vari eventi davvero significativi che hanno trattato anche la Grande Guerra e la tragedia della ritirata di Russia. Sono intervenuti qualificati relatori. E’ stata allestita una mostra sul conflitto 1915-18. Il Comune di Noceto ha consegnato il premio “Pesce Città di Noceto” all’A.N.A., ritirato personalmente dal Presidente Nazionale. Sebastiano Favero. Davvero complimenti agli amici di Noceto. Fernado Crepaldi in prima persoana. Tanto impegno è stato premiato dal successo, complessivo della manifestazione a cui il Gruppo Alpini di Collecchio ha dato il suo contributo partecipando con diversi soci; anche 34^ Red Bull Italia ha presenziato con mezzi militari d’epoca per trasportare Alpini con problemi deambulatori.

La sede del Gruppo

Celebrazione del 4 Novembre molto significativa con la partecipazione, oltre  che degli Alpini, di oltre 60 alunni delle Scuole che hanno letto i nomi dei Caduti di Noceto nella Grande Guerra, sventolando il Tricolore. I soci si sono ritrovati nei primi giorni del 2019 ed hanno confermato Capogruppo Ferdinando Crepaldi. insieme a lui opereranno Eligio dall’Aglio, Givanni Bellengi, Enrico Catellani e Valter Tura.

Il Capogruppo riconfermato F. Crepaldi

Parma: il Gruppo della città ha chiuso in bellezza l’anno 2017 con la donazione di un assegno di 1.000 Euro all’Associazione AISLA consegnato nelle mani del Presidente Sig.ra Fochi dal Capogruppo Aldo Volpi. Le Penne nere del Gruppo hanno ricordato solennemente l’eroe di guerra parmigiano Medaglia d’Oro Sottotenente Giuseppe Rossi caduto a neanche 21 anni nella battaglia di Selenyj Jar durante la campagna di Russia nel gennaio 1943 mentre era su questo fronte inquadrato nel Btg. “Gemona” della Div. “Julia”. Una delegazione parmigiana si anche  recata nel Teramano (ad Isola del Gran Sasso) per commemorare questa tragica battaglia che ha rinsaldato ulteriormente l’amicizia fra la nostra provincia e l’Abruzzo.

Il sottotenente Alp. Giuseppe Rossi – Medaglia d’Oro al VM

Raduno presso la sede di via del Garda per ricordare i 20 anni della riorganizzazione del Gruppo (nato nel 1931); dopo la S. Messa è stata benedetta una teca che raccoglie testimonianze di coloro che hanno più operato per il Sodalizio fra cui l’indimenticato Celestino Ferrari che fu colui che ridette vita al Gruppo in anni recenti. I Capogruppo Volpi ha tracciato le vicende degli Alpini della città rammentando soprattutto l’impegno manifestato per l’Adunata nazionale del 2005 e il trasferimento, in parte, presso la sede sezionale di via Jacobs. Ricorrenza della Vittoria e delle FF.AA.: il Gruppo di Parma l’ha solennemente festeggiato il 3 novembre. Il Capogruppo Aldo Volpi ha ricordato  l’eccezionalità dell’evento ed il sacrificio di tanti cittadini in armi. Hanno partecipato il Prefetto Forlani, il Dott. Anelli per il Questore, Carboni per il Consiglio Comunale, il Presidente Sezionale ANA Cacialli e numerosi Alpini. Il Coro “Monte Orsaro”  ha accompagnato la cerimonia; una ghirlanda è stata deposta al monumento ai Caduti in via Cavour in centro città. Il Capogruppo Aldo Volpi ha guidato i suoi nell’impegno per la “Raccolta alimentare 2018”; il successo è stato nella tradizione della generosità dei parmigiani. il Capogruppo Aldo Volpi ha consegnato al Presidente di AISL (Assoc. Italiana Sclerosi Multipla) di Parma Signora Lina Fochi una significativa donazione nel corso di una serata conviviale a cui hanno partecipato famgliari di persone seguite dal Sodalizio e rappresentanti di altre Associazioni. Annuale festa del Gruppo con appuntamento al cimitero della Villetta; è intervenuto il Coro “Monte Orsaro”.  Successivo rancio. L’assemblea 2109, in rappresentanza dei 216 soci Alpini e dei 58 aggregati, ha confermato per la terza volta Aldo Volpi  (foto a ds) Capogruppo a Parma; egli si è distinto per avere operato nella riorganizzazione della rappresentanza cittadina dell’A.N.A. una ventina d’anni fa. Nell’accettare l’incarico impegnativo Volpi ha ricordato che il periodo prossimo vedrà gli Alpini partecipi di diversi eventi fra i quali il 70° della morte di Don Gnocchi, il centenario della costituzione dell’Associazione Nazionale, oltre ad altre attività di solidarietà e di impegno  associativo.  Roberto Cacialli, Presidente sezionale, nel suo intervento ha sottolineato l’apporto del Gruppo di Parma nel contesto generale della Sezione ed ha augurato a Volpi di operare al meglio.

Il Capogruppo Aldo Volpi

Pellegrino P.se: è encomiabile l’impegno del Capogruppo Francesco Carpena e dei suoi Alpini per collaborare ad iniziative riguardanti la comunità di questo paese dell’Appennino. Nell’ambito della  riuscitissima 33^ edizione della “Fiera del Parmigiano – Reggiano di montagna” il Gruppo ha organizzato una mostra di quadri con soggetti inerenti il Corpo degli Alpini del pittore Vittorio Ferrarini. E’ stato dato l’ultimo saluto all’Alpino Luigi Parmigiani da tutta la comunità oltre che da Gruppo. Egli da quanrant’anni combatteva contro una grave malattia invalidante e la fotte fibra ha dovuto soccombere in età ancora relativamente giovane. Egli,subito dopo la leva, si iscrisse al Gruppo di Pellegrino è collaborò nei limiti imposta dalla malattia.

Luigi Parmigiani

Ricordati i 122 abitanti del Comune morti durante la Grande Guerra con una cerimonia che ha visto sfilare anche la Banda di Salsomaggiore T. Consegnate benemerenze ai parenti. La festa del tesseramento 2019 è stata organizzata secondo canoni tradizionali. Ma il Gruppo ha voluto aggiungere questa volta una mostra di testimonianze sull’A.N.A. e sulle Truppe alpine, oltre che l’allestimento di un significativo Presepe.

Ramiola: l’Artigliere da montagna Mario Baratta “è andato avanti”, Già Capogruppo per diversi anni, lasciò l’incarico per motivi di salute; ha operato fino quando a potuto con grande passione organizzando anche un Raduno sezionale. Lo ricorderemo per la sua bontà e affabilità.

Mario Baratta

Il Coro “Fiamme verdi” ha fatto visita agli anziani ospiti della Casa protetta “Patrioli” di Medesano portando una nota di allegria con canti alpini e della tradizione popolare.

Il Coro del Gruppo di Ramiola diretto dal M° Anelli

Le operatrici ed i volontari del Centro diurno di Medesano hanno organizzato un pomeriggio per ospiti e parenti con i canti delle “Fiamme Verdi” degli Alpini di Ramiola. Come tutti gli anni il Gruppo ed il Coro “Fiamme verdi”, da lui fondato nel 1988, hanno ricordato Sergio Ianelli, ex Capogruppo tragicamente scomparso per un incidente sul lavoro. Il Capogruppo Antonio Cresci ha ottimamente organizzato il 2° Raduno della Valtaro in collaborazione con i Gruppi di Medesano e di Noceto; scoperta la targa di una via dedicata ai Caduti i Russia ed inaugurato il monumento di fianco alla sede del Gruppo. Presenti la Banda di Medesano ed il “Coro Fiamme Verdi” di Ramiola.

Il nuovo monumento nei pressi della baita di Ramiola

Sala B. : l’ospitalità di G. F. Ceresini e di sua moglie Delia è stata eccezionale per ospitare gli amici Alpini di Firenzuola (FI). Gli Alpini salesi e Volontari della P.C. A.N.A. hanno portato regali di Natale a diversi bambini del paese a domicilio; per loro è stata davvero una graditissima sorpresa ! Successo per l’annuale Raduno in ricordo dei Caduti a seguito dall’affondamento della nave “Galilea” in rientro dal fronte greco – albanese. Gli alunni della Scuola media del Capoluogo sono stati condotti a visitare i luoghi della Grande Guerra sul Monte Grappa: hanno accompagnato il Capogruppo G. Franco Ceresini, Igino Carpena della P.C. ANA, la coordinatrice Marina Gatti (con chitarra) a cui si è aggiunto il Sindaco di sala B. Aldo Spina. Il Gruppo ha organizzato la trasferta per partecipare all’annuale Raduno di Garbagna (Sez. Alessandria). festività 2018/19 all’insegna della solidarietà. E’ stata organizzata una cena in sede per raccogliere fondi da destinare all’Associazione “Gli Angeli di Gabriele” che si occupa di bimbi con deficit  visivi; ha contribuito anche la Ditta Frigomeccanica. Il Gruppo è stato partecipe dell’organizzazione del tradizionale falò di Carnevale del marzo 2019, insieme alla Pro Loco, che è stato acceso nella piazza principale del paese; molte le “mascherine” presenti. Ottimamente riuscita l’edizione 2019 del Raduno per ricordare l’affondamento della nave “Galilea”; presenti molti labari sezionali anche da altre regioni d’Italia e tantissimi gagliardetti. Il Presidente Sebastiano Faveo con il labaro nazionale ha qualificato ancor più l’evento ben organizzato dalla Sezione di Parma e dal Gruppo di Sala B. capeggiato da G. F. Ceresini.

Il Presid. Favero con le Autorità presenti

Il gagliardetto di Collecchio con D. Gardini

 

Salsomaggiore T..: la Sezione A.N.A. di Parma, tramite il Capogruppo R. Mattei, ha consegnato all’Amministrazione comunale, nelle mani del Vicesindaco G. Pigazzani, una targa ed una pergamena a nome del Presidente R. Cacialli per avere collaborato per l’organizzazione del Raduno del 2° Raggruppamento del 14 e 15 ottobre. 2017. Presepe nel giardino della ex scuola Farolda dove ha sede un’Associazione che si occupa delle disabilità e dell’integrazione dei meno fortunati. Alpini del Capoluogo, di Tabinao T. e Scipione hanno organizzato l’annuale “Festa della Befana” insieme a Confesercenti ed ad ASCOM; sono stati offerti vin brulè e dolci a tutti, soprattutto ai bambini intervenuti. I 500 Euro raccolti saranno devoluti all’Ospice dell’ospedale di Vaio. Altra iniziativa benefica a cui ha contribuito il Gruppo: sono stati consegnati 1 000 Euro alla famiglia di Alice Nesti, la tredicenne recentemente scomparsa, denaro raccolto durante le feste della Epifania. La famiglia ha devoluto la cifra all’Assoc. “B. Mazzani” che si occupa di cure palliative a Fidenza. Ben organizzata e ottimamente riuscita l’adunata per ricordare la battaglia di Nikolajewka a 75 anni dal tragico evento. Il “Giorno del ricordo” ha avuto come protagonisti alunni dell’Istituto Comprensivo del Capoluogo che insieme agli Alpini, Autorità ed altre Associazioni hanno ascoltato la toccante testimonianza della profuga istriana Tina Lambri. L’assemblea dei soci ha rieletto Renzo Mattei (foto sotto) Capogruppo per la settima volta a seguito del suo grande impegno profuso in tanti a favore dell’A.N.A. e della comunità.

Renzo Mattei

L’Alfiere del Gruppo Albino Dami è stato premiato con una targa ricordo per essere sempre presente con il gagliardetto a raduni e cerimonie varie; hanno partecipato il Capogruppo Renzo Mattei ed il Vicepresidente della Sezione di Parma. Il Gruppo era presente alla commemorazione del combattimento del 1944 avvenuto in località “Pietranera” dove perse la vita il Partigiano salsese Adriano Biolzi (detto Kira); hanno partecipato diversi studenti dell’Istituto Comprensivo di Salsomaggiore e di Pellegrino P.se. Sabato 3 novembre, come tutti gli oltre 4500 Gruppi di tutta l’A.N.A., anche gli Alpini di Salsomaggiore T. hanno ricordato i Caduti della Grande Guerra con un momento di raccoglimento davanti al monumento a loro dedicato; alla cerimonia erano presenti il Capitano dei CC Sepe, l’Ispettore della Polizia Decaneto e l’Assessore comunale Pigazzani, Dopo l’Alzabandiera è stato letto il messaggio del Presidente Nazionale dell’A.N.A. Favero. Cittadinanza onoraria per l’Alpino salsese Giacomo Pinna da parte del paese di Forni Avoltri (UD) di cui è originario; il Sindaco gli ha voluto riconoscere l’impegno nella promozione del territorio avendo operato presso il museo dedicato alla Grande Guerra inaugurato dieci anni fa. Il Vicepresidente della Sez. A.N.A. di Parma Giorgio Adorni ed il Capogruppo Renzo Mattei, alla presenza del Sindaco Filippo Frittelli, hanno consegnato all’Assessore Giorgio Pigazzani un meritato riconoscimento per la fattiva collaborazione in occasione del Raduno dello scorso anno del 2° Raggruppamento (Lombardia – Emilia Romagna). “Penne nere” salsesi e di Tabiano T.  insieme ai ragazzi del laboratorio “Why not ?”hanno realizzato il presepe del Natale 2018; erano presenti, fra gli altri il Sindaco di Salsomaggiore T. ed il Vescovo di Fidenza. Tradizionale scambio di auguri di fine anno in sede con numerosi soci e simpatizzanti. Cordoglio ha suscitato la morte improvvisa dell’Alpino Ermes Pelosi (a fianco nella foto con il figlio); il lavoro non gli ha impedito spesso di essere protagonista delle attività del Gruppo.

E. Pelosi (a ds ) con il figlio davanti al suo negozio

Anche nel 2019 è stata ricordata la tragica vicenda di Nikolajewka con il tradizionale Raduno. Il  Capogruppo  Renzo  Mattei   ha accolto gli  intervenuti, fra cui numerose Autorità civili e militari; dopo l’Alzabandiera e l’Onore ai Caduti, con Banda di Salsomaggiore in testa, il corteo si è portato nel centro della città (foto a sin.) e quindi in chiesa per la S. Messa concelebrata dal Vescovo di Fidenza Mons. Vezzoli, accompagnata dai canti del Coro “Eco del Colle”. Successivamente si è tenuto il rancio.

La cerimonia per ricordare Nikolajewka

Scipione: amichevole incontro del Capogruppo con il collega Paolo Bergna del Gruppo di Albate (CO) in gita nel Parmense e rancio nella trattoria della frazione salsese.

Bergna e zanella insieme a Scipione

Sissa – Trecasali: ha ottenuto notevole successo la mostra dal titolo “La guerra, le donne e l’amore” nell’ambito delle iniziative riguardanti il primo conflitto modale 1915/18. Hanno collaborato, oltre all’Amministrazione Comunale, fra gli altri, gli Alpini locali, l’Assoc. Combattenti e Reduci e l’Assoc. Musei all’aperto di Bassano del Grappa. Gli anziani della Casa protetta Asp del territorio sono stati ospitati nella sede del Gruppo per trascorrere alcune ore in allegria;  hanno proposto canti tradizionali Ivo, Luciano e Luigi del “Trio armonia”.

Solignano: diverse decine di persone hanno partecipato al cenone di fine anno presso la sede del Gruppo. Con una cerimonia nella sede sociale il Gruppo ha consegnato benemerenze a diversi veterani e collaboratori; presenti il Capogruppo Mario Sartori ed il Sindaco Lorenzo Bonazzi. Fra i premiato Adelmo Grassani, già Capogruppo. La Piccola banda di Calestano ha ben supportato le varie cerimonie; fra le Autorità presenti. Oltre a quelli locali, anche il Vicepresidente della Sez. Bolognese – Romagnola Mario Bonfiglio. Nell’ambito delle riuscitissima Adunata è stata intitolata una piazza del paese al Missionario laico Amos Grenti che ha dedicato la sua vita per aiutare gli altri; fra le sue innumerevoli iniziativa la fondazione dell’Associazione onlus “Amici della Sierra Leone”. Negli ultimi mesi della su vita ha curato in particolare la lotta contro la mortalità infantile in questa nazione dell’Africa. Il Sindaco Bonazzi ed il Capogruppo Ghielmi hanno presenziato alla cerimonia del 4 Novembre. simpatica iniziativa rivolta agli alunni delle scuole: una castagnata in baita con tanto di dimostrazione per la preparazione del prelibato frutto autunnale consumato successivamente in allegra compagnia. Iniziativa dal nome “Biscottando” promossa dalla Consulta giovanile del paese che ha coinvolto i bimbi da 4 a 10 anni di età, seguiti da tutors, che si sono ritrovati nella sede Alpini che ha avuto lo scopo di fare vedere la preparazione degli impasti per la produzione di dolci.

Soragna: bilancio delle attività del 2017 alquanto positivo per gli Alpini capeggiati da Corrado Azzali. Una notevole parte degli incassi derivanti dalle tante iniziative è stata devoluta per beneficienza sul territorio comunale fuori. Altra beneficienza in denaro: devoluti 500 Euro alla Coop Fard (socio-riabilitazione) e 600 Euro alla Fondazione Contro l’autismo di Fidenza. Nel corso nell’annuale assai partecipata assemblea dei soci il Capogruppo Corrado Azzali ha manifestato l’intenzione di dimettersi agli inizi del 2019; ha tracciato un bilancio assolutamente positivo delle attività del Gruppo da lui guidato soprattutto per quanto riguarda la solidarietà e la beneficienza sul territorio fra cui l’aiuto ai bambini autistici. Il Gruppo si è mobilitato anche per fornire fondi per l’acquisto di una nuova autoambulanza della locale Sezione della C.R.I.; una delegazione di Alpini con il Capogruppo ha consegnato la somma di 500 Euro alla Croce Rossa di Soragna per tale scopo (foto sotto).

Alpini di Soragna e C.R.I. locale

E’ stata organizzata la riuscitissima serata annuale con piatti a base di pesce durante il mese di agosto nell’area antistante la sede. L’impegno è proseguito anche in ottobre  con la “Festa della polenta” nell’area coperta e riscaldata di via Veneto, accompagnata anche da stinco, asinina, guancialino e spalla cotta di maiale. Dono di 2500 Euro ad A.RI.M. Salute, Associazione di volontariato per la ricerca e prevenzione delle malattie gastrointestinali; la cifra è destinata all’acquisto di un’importante strumentazione per eseguire operazioni molto innovative.  Riconoscimenti consegnati  dall’A.N.A. a cinque Alpini iscritti da oltre 50 anni: A. Grassani (67 anni), M. Valenti, I. Bertoncini, B. Galli e R. Serventi. Per l’Amministrazione Comunale ha presenziato Oscar Gabelli.

Sorbolo: la Parrocchia ha insignito del Premio “S. Faustino e Dovita 2018” anche al Gruppo Alpini locale per la sua benemerita attività nella Protezione Civile.Siamo lieti come Alpini e come amici per l’esaustivo articolo pubblicato da “L’Alpino” di febbraio 2018 per descrivere l’inaugurazione della nuova sede del Gruppo. I sorbolesi, sotto la guida di Aroldo Busato, meritano sicuramente questa risonanza a livello nazionale per l’impegno che essi mettono in tante iniziative anche di carattere benefico. Regalato un taglia erba dagli Alpini sorbolesi alla Scuola d’Infanzia SS. Annunciata di Lentigione che fu interessata dal recente alluvione; il denaro per l’acquisto è stato frutto di attività di tempo libero svolte dal Gruppo. Il gagliardetto di Collecchio è stato presente al raduno settembrino del Gruppo di Sorbolo con i Consiglieri Fabio Zinelli e Davide Gardini (foto sotto).

Canti alpini e della 1^ Guerra mondiale cantati dai bimbi dell’Associazione “Tempo vivo” per ricordare il centenario della Grande Guerra hanno caratterizzato l’esibizione presso il Centro civico del paese; il Gruppo di Sorbolo ha sostenuto l’evento.

Tabiano T.: tanti in marcia sui sentieri delle colline del posto innevati. All’evento denominato “Marcia sui sentieri alpini” hanno partecipato in modo non competitivo parecchi atleti. Importante è stata la collaborazione del centro “Why not” di Tabiano T. e del Gruppo podistico “Quadrifoglio”. La 14^ edizione del 2019 della “Marcia sui sentieri alpini”  ha richiamato tante persone non solo dalla provincia di Parma ma anche da fuori. La camminata non competitiva, in collaborazione con l’Associazione “Why not ?” ed il Gruppo Podistico “Quadrifoglio”, è stata organizzata dagli Alpini del Gruppo con vari punti ristoro sul percorso delle accoglienti colline del posto. All’arrivo sono state distribuite primule in vaso con l’augurio di ritrovarsi l’anno prossimo. A ds un’immagine della bella iniziativa.

Un’immagine dell’edizione 2019

Grave lutto per gli Alpini Tabianesi per la scomparsa prematura (a soli 55 anni) di Fabrizio Pasqua, avvenuta in modo improvviso. Egli ha spesso collaborato nelle varie attività anche con gli Alpini di Salsomaggiore T., lascia moglie e figli. Il Gruppo di Collecchio è vicino ai suoi cari ed ai tanti amici in questo momento di profondo dolore.

L’Alp. Fabrizio Pasqua

Terenzo: il Capogruppo Dino Busi e molti soci hanno partecipato al pranzo del tesseramento 2018.  La ricorrenza del centenario del termine della Grande Guerra a Terenzo ha avuto particolare e significativo risalto con la presentazione di un libro dedicatori Caduti della Val Baganza edito da Studio Guidotti. Il testo, coordinato dal Presidente del Centro Studi della valle Pietro Bonardi, ha avuto il contributo di E. Lori, G. Bottioni, M. Pioli e G. Zanzucchi. Franco Sartori, dell’A.N.A. nel suo intervento ha chiesto alla comunità di ricordarsi dei Caduti ringraziandoli per il loro sacrificio. L’evento è stato promosso dal Comune, dal Gruppo Alpini e dall’Associazione Comunità ed h avuto la collaborazione delle Scuole Primarie; alcuni alunni hanno letto poesie e riflessioni sulla Grande Guerra. Sono seguiti diversi interventi fra cui quello del Sindaco Bevilacqua. L’A.N.A provinciale rappresentata da Giorgio Adorni. E da Franco Sartori ha consegnato ai soci del GruppomM. Agostini, E. Anelli, A. Bevilacqua, F. Scanzaroli, S. Schianchi e R. Venturini un premio per essere iscritti all’Associazione da 50 anni ed oltre.

Terre del Po: gli Alpini di Busseto, Polesine e Zibello hanno donato materiale didattico alle Scuole del territorio. Sono stati portati doni agli anziani ospitati nella varie Case protette. I fondi sono stati ricavati durante il “November porc 2017”. Il Gruppo ha collaborato con il “Camper Club” di Fidenza per l’organizzazione e la realizzazione del raduno di questi mezzi che ha ottenuto un’ottima partecipazione. E’ stato celebrato a Busseto l’11° anniversario della fondazione del gruppo che raduna gli Alpini anche di Polesine e di Zibello; il Capogruppo Felice Pisaroni ha invitato per l’occasione il Coro A.N.A. di Vittorio Veneto. Egli è stato anche presente al VII Raduno dei reparti Alpini che hanno svolto la “naja” a Pontebba (UD); ha incontrato l’Alpino di Pescantina (VR) Massimo Venturini, grande amico degli Alpini parmensi (foto sotto).

Per le “penne nere” del gruppo vi è stata un’ottima trasferta a Carpaneto P.no in occasione della 67^ Festa Granda della Sezione di Piacenza; era presente anche l’Assessore all’Associazionismo del Comune di Busseto Stefano Capelli (con la fascia tricolore).

A Carpaneto Piacentino; Pisaroni ultimo a ds

Eccezionale ospitalità e perfetta organizzazione per gli Alpini di Pescantina in visita nelle “Terre verdiane”; Felice Pisaroni ha organizzato al meglio tutta la giornata a cominciare dal rancio in sede.

Nella baita di “Terre del Po”

Il Gruppo ha supportato un’importante esercitazione di Protezione Civile che ha coinvolto oltre 70 Volontari di diverse Associazioni del territorio e di altri Comuni; l’Amministrazione Comunale ha avuto importante parte nell’organizzazione dell’esercitazione. Gli Alpini hanno deposto in occasione del 4 Novembre fiori su tutte le lapidi dei tre Comuni di riferimento. a Busseto l’orazione ufficiale è stata fatta dal Questore di Massa Giuseppe Ferrari. Pranzo offerto dalla sede del Gruppo ad anziani ospiti della Casa protetta “Dagnini” di Zibello.; gli anolini sono stati donati da Gabriella Scarpioni e da Valter Panni. Spettacolo benefico nel Teatro G. Verdi supportato organizzativamente dal Gruppo. La ricorrenza di S:Antonio Abate ha visto collaborare gli Alpini con il Comune e la Parrocchia; essi hanno infatti allestito ed acceso un falò di buon auspicio e preparato una cena a base di gnocchi. La sede ha ospitato l’assemblea 2019 dei delegati della Sezione di Parma con oltre 150 partecipanti; oltre ai vertici capeggiati dal Presidente R. Cacialli ha presenziato il Consigliere nazionale Mauro Azzi.

Il tavolo dei relatori

Felice Pisaroni è stato confermato Capogruppo per il secondo mandato consecutivo.

Tizzano V. Parma.: il Gruppo ha messo a disposizione dei soci e dei simpatizzanti il calendario del nuovo anno. Festa di S. Lucia organizzata dai soci guidati da Antonio Bocchi per gli anziani ospiti della Residenza “L’albero della saggezza” di Tizzano. A 88 anni l’Alpin Giovanni Ilariuzzi “è andato avanti”.

Giovanni Ilariuzzi

A 76 anni dall’affondamento della nave “Galilea” del 28 marzo 1942 il Gruppo  di Tizzano ha organizzato una cerimonia presso il monumento loro dedicato per ricordare i Caduti Alpini della sua comunità: G. Fornari, C. Manici, L. Ravazzoni, M. Rossi, D. Rubini e O. Venturini. Il Capogruppo Antonio Bocchi ha ringraziato le Autorità, le Associazioni, gli Alpini e gli studenti con i loro insegnanti intervenuti. E’ seguita la S. Messa celebrata da Don Giovanni Orzi e quindi il rancio. Nella linea atta a meglio organizzare i raduni a livello sezionale a Tizzano Valparma si è tenuto il 9 e 10 giugno 2018 l’incontro degli Alpini della Val Parma e della Val Cedra; il sabato ha avuto luogo un applaudito concerto di Cori nella chiesa della Madonna del Rosario. Profondo cordoglio ha suscitato la scomparsa di Oreste Barbieri, storico Capogruppo di Tizzano; era nato nel 1931. gli Alpini hanno collaborato per la ricorrenza di S. Lucia organizzando una festa nella “Casa della saggezza”. Luigi Abbati ha animato l’evento con canti accompagnati da fisarmonica. L’iniziativa di raccolta fondi di fine anno 2018 per Telethon  è stata sostenuta da diversi soci del Gruppo.  Anche nel marzo 2019, nella ricorrenza del 77° anniversario della tragedia dell’affondamento della nave “Galilea”, il Gruppo ha organizzato una cerimonia per ricordare i sei Caduti tizzanesi che vi persero la vita: G. Fornari, C. Manici, L. Ravazzoni, M. Rossi, D. Rubini e O. Venturini. Dopo l’onore ai caduti è stata celebrata la S. Messa con la presenza anche degli alunni delle Scuole; è seguito il pranzo.

Traversetolo: con una S. Messa nella celebrata nella chiesa dell’Istituto delle Suore del paese sono stati ricordati tutti gli Alpini “andati avanti”. Giuseppe Calori ha guidato diversi Alpini emiliani a Venzone (UD) per partecipare al Raduno del Btg “Tomezzo” per festeggiare i 110 anni della sua fondazione; si sono ritrovati nella caserma “M. Feruglio” con diversi commilitoni. Il Gruppo ha partecipato alla realizzazione di una mostra intitolata “Traversetolo e la Grande Guerra”. il 76° anniversario della battaglia di Nikolajewka è stato ricordato con un riuscito evento da Alpini del Gruppo e da numerosi cittadini presenti alla S. Messa celebrata nella chiesa parrocchiale. Hanno presenziato anche Autorità ed Associazioni locali.

Per Nikolajewka presenti in tanti !!!

Valmozzola: un buon numero di soci ha partecipato al Raduno di nazionale di Trento (foto sotto).con il Capogruppo M. Devincenzi.

Festa con musica  organizzata dal Gruppo a metà luglio a Mormorola. Cambio della guardia nella Protezione Civile del Gruppo.Andrea Conti ha passato l’incarico al giovane Emanuele Gatti dopo sei anni di proficua opera. Conti è ora Vicecoordinatore sezionale a Parma. Buon lavoro ad entrambi !!!  La P.C. è intervenuta a Feltre nel Bellunase a seguito delle inondazioni; giornata didattica sulla Grande Guerra che ha coinvolto anche gli alunni delle Scuole di Solignano.

Varano Melegari: festa del Gruppo con tradizionale programma. Lutto fra gli Alpini e nell’intera comunità per la scomparsa di Carlo Censi, conosciuto anche come Partigiano “Mao”. Si è sempre distinto per la sua generosa partecipazione alle attività di volontariato del paese e del territorio dove era alquanto conosciuto e stimato.

Carlo Cenci

Il Gruppo ha rafforzato il legame con gli anziani ospiti della Casa – residenza “G. Bonzani” organizzando una festa all’aperto. Alla simpatica iniziativa erano presenti il Capogruppo R. Larini, il Sindaco  G. Restiani, il Presidente dell’ANPI varanese, il referente della P.C. ANA M. Maccini, la Responsabile della Struttura C. Gabelli, operatori, volontari e famigliari degli anziani ospiti della Casa – residenza. A Vianino ha  avuto luogo la cerimonia in onore di Caduti della Grande Guerra nel giorno del 4 Novembre. grave lutto per la scomparsa dell’Alpino Giovanni Pettenati di anni 72, da sempre ottimo sostenitore delle varie attività sociali e partecipe ai vari Raduni.

L’Alp. Giovanni Pettenati

I soci del Gruppo hanno raccolto fondi in occasione dell’iniziativa di Telethon. Il Caposquadra Mario Maccini ha guidato i suoi Volontari di P.C. nell’intervento d’emergenza nel Bolognese a seguito dell’esondazione del fiume Reno nei Comuni di Argelato e di Castelmaggiore.  Inizio 2019 con il Raduno del Gruppo con programma tradizionale e “rancio” in un noto locale della zona dopo la S. Messa animata dal Coro “Fiamme Verdi” di Ramiola. Giusto spazio sul giornale dell’A.N.A. “L’Alpino” di marzo 2019 al bravo ex Capogruppo Giovanni Gioiosi dato che si è ritrovato dopo 60 anni con il “fra” Giuseppe Croci con il quale ha condiviso il CAR a Bassano del Grappa e la “naja” nel Btg Genio Pionieri della “Julia” ad Udine.

Giovanni Gioiosi a ds nella foto con Giuseppe Croci

Varsi: nell’ambito della giornata del tesseramento 2018 gli Alpini del paese della Valceno hanno ricordato la ritirata di Caporetto facendo intervenire lo storico Prof. Antonio Ortalli. Lutto per la scomparsa del giovane socio Alpino Giovanni Castagna.

L’Alp. Giovanni Castagna

Il Gruppo ha reso onore ai due Caduti della Grande Guerra Giovanni Maccagnini e Giuseppe Moruzzi consegnando nelle mani dei parenti delle pergamene; l’iniziativa è stata particolarmente seguita dal delegato provinciale dell’I.N.G.O.R.T.P Roberto Spagnoli.  Tradizionale festa del tesseramento 2019 con chiusura delle manifestazioni inerenti la Grande Guerra.

Zeri: gli Alpini di questo Gruppo della Lunigiana, ma aderenti alla Sezione di Parma, si sono ritrovati per il pranzo del tesseramento. Successo della “Frascata Alpina” al Passo dei due Santi anche per combattere la calura agostana.

Gruppo di Albate (CO): sono pervenuti gli Auguri per le Festività di fine anno, come per le festività di Pasqua.

Il periodico sezionale di Como “baradel”, ha ottenuto un notevole riconoscimento dall’A.N.A. Gli Alpini di Albate sono fra i collaboratori più importanti del giornale P.G Pedretti in primis.

Amichevole incontro al Raduno nazionale di Trento (foto sotto).

Eccezionale spirito organizzativo e caldissima accoglienza da parte del Gruppo comasco in occasione della gita a Como e  sul suo lago effettuata dal Gruppo di Fornovo Taro a cui si sono aggregati altri Alpini, alcuni da Collecchio

La sede di Albate perfettamente apparecchiata per il rancio dei gitanti

Grave lutto nel Gruppo di Albate per la scomparsa improvvisa dell’Alpino Fiorenzo (a sin. di quello con la camicia rossa); la foto lo ritrae a Scipione in occasione del Raduno del 2° Raggruppamento a Salsomaggiore T. Siamo vicini agli amici di Albate per questa grave evento

Giorgio Pedretti di Albate “ha colpito ancora” con la broshure ottima inerente il Raduno del 2° Raggruppamento 2018 a Mariano Comense (cliccare per leggerla):

Brochure Mariano

Gita a Parma e dintorni di una cinquantina di soci guidati da Paolo Bergna. Visita alla città e rancio sociale a Scipione con incontro con il Capogruppo locale Lamberto Zanella.

I gitanti

Incontro dei Capigruppo

Gruppo di Buja (Sezione di Udine): i collecchiesi saranno sempre riconoscenti nei confronti degli amici del paese friulano per il dono del prefabbricato divenuto sede sociale. Danilo Micone ci ha telefonato gli Auguri di buone feste. Anche A. Scilipoti ce li ha inviati.

Gruppo di Canelli (Sez. di Asti): sono stati particolarmente graditi gli Auguri da parte del Capogruppo Giorgio Tardito

Gruppo di Fiorenzuola d’Arda (Sez.  di  Piacenza): Giorgio Corradi ci ha comunicato i graditi Auguri di fine anno a nome di tutto il Gruppo a cui siamo particolarmente legati. Festa per i 70 anni della fondazione del Gruppo con intenso programma; il Coro del Gruppo di Collecchio ha effettuato un concerto nel teatro G. Verdi della città piacentina (la locandina dell’evento sotto) con il Coro CAI di Piacenza.

Fra le tante iniziative previste per il raduno evidenziamo anche la mostra su testimonianze della grande Guerra; quanto esposto è frutto di un generoso lascito effettuato dall’Alpino Domenico Gabella “andato avanti” di recente. Lo ricordiamo sentitamente dato che ha abitato per diversi anni a Collecchio.

Domenico Gabella

Bel servizio con foto sul periodico dell’A.N.A. “L’Alpino” di marzo 2019 che illustra in modo alquanto esaustivo il Raduno organizzato dal Gruppo per festeggiare i 70 anni di costituzione. Il report, a firma di Donata Meneghelli, descrive le varie tappe della storia del Gruppo e le fasi della bella festa a cui ha dato un valido contributo anche il Coro di Collecchio e diversi soci che sono intervenuti con il gagliardetto

Gruppo di Imer (Sez. di Trento: Marco Bettega, Capogruppo, ha inviato gli Auguri di Buone Feste.La prima domenica di agostosi è tenuto l’annuale Raduno degli Alpini del Gruppo di Imer (TN) dedicato alla “Festa della Madonna della Neve”;come sempre l’appuntamento è sul Monte Vederna, ad a quasi 1600 mt d’altezza dove campeggia un’alta croce (foto sotto) dedicata agli Alpini “andati avanti”. Un acquazzone a fine giornata non ha impedito la buona riuscita dell’evento.

Gruppo di Pastrengo (Se. di Verona): guidato da Luigi Bozzini ha effettuato una gita a Parma ed a Langhirano. M. Donelli ha fatto da “cicerone”. Il Gruppo di Langhirano ha ospitato i gitanti per il rancio e li ha organizzato la visita ad un salumificio locale. Scambio di doni al termine del “rancio”, fra cui uno zaino originale anni ’60.

I Veronesi nella sede di Langhirano, con loro M. Donelli al centro, e M. Lonardi di Pescantina con lo zaino

Gruppo di Pescantina (Sez. di Verona): ci sono pervenuti gli Auguri di Buon Natale e felice anno 2018. Abbiamo avuto notizia dell’elezione a Capogruppo di Adriano Motta; egli sostituisce Mirco Lonardi che ha dovuto lasciare per motivi di salute. A quest’ultimo riconosciamo grandi meriti per quanto ha fatto, mentre ad Adriano formuliamo i più sinceri auguri di buon lavoro, offrendo la nostra disponibilità nei limiti del possibile.

Le dimissioni per motivi di salute sono state accolte con dispiacere e rispetto dai componenti del Gruppo di Pescantina e da tanti amici di tanti luoghi d’Italia; a lui è stata consegnata una targa per manifestare la riconoscenza che gli è dovuta.

Mirco riceve la targa dagli amici in baita

Sono pervenuti gli auguri di Buona Pasqua con il simpatico biglietto sottostante:

A Trento in occasione del Raduno nazionale scambio di saluti; pubblichiano la foto della sfilata del Gruppo ora guidato da Adriano Motta, a Trento.

Massimo Venturini ha incontrato Felice Pisaroni, Capogruppo di “Terre del Po” in occasione del VII Raduno di Pontebba. Graditissima visita di Mirco Lonardi e signore (già Capogruppo di Pescantina) in sede a Collecchio; era accompagnato dal Vicecapogruppo di Pastrengo Giovanni Mazzurana. Sono stati accolti, fra gli altri, da Maurizio Motti.

Veronesi e collecchiesi in sede

Lonardi e Motti

Adriano Motta ed altri sono andati a Siedlce (Varsavia–Polonia) in occasione della fiera agricola locale, per l’anniversario dei 25 anni di gemellaggio con quel paese.. I due Alpini e le due cuoche “alpine” hanno fatto si che i visitatori potessero assaporare gratis i gustosi maccheroni all’italiana; i numeri parlano di circa 2000 pasti nel sol giorno di sabato, a pranzo (vedi articolo del quotidiano “L’Arena” sotto.

Indimenticabile gita a Busseto e Fontanellato in pullman; rancio nella sede di Busseto (ottimo). Visita anche alla baita di Fontanellato per cortese rinfresco; presente Livio Ferrari.

A Busseto

Sistemato monumento; encomiabile lavoro. Sotto l’articolo dell’Arena di Verona:

Davvero molto graditi gli auguri pervenuti dal capogruppo Adriano Motta. Prosegue incessante l’attività del Gruppo; sono stati consegnati i cappelli a tre nuovi “amici degli Alpini”. Inoltre il Comune, dalle mani del Sindaco, ha consegnato un riconoscimento significativo agli Alpini di Pescantina per il contributo dato alla comunità locale.

Adriano Motta riceve il riconoscimento dal Sindaco

Gruppo di Trasacco (Sez. di L’Aquila): gli amici abruzzesi, conosciuti in occasione dell’Adunata Nazionale di L’Aquila ci hanno inviato gli Auguri di Buone Feste

Sezione di Verona: 25 Volontari della P.C. A.N.A.  hanno operato a Brescello  (RE) in aiuto degli alluvionati utilizzando attrezzatura idonea alle operazioni di svuotamento e di pulizia dal fango. Quattro erano del Gruppo di Pescantina, guidati da Adriano Motta.

I Volontari veneti

A. Motta, ultimo a ds, con altri Volontari a Lentigione di Brescello

Gruppo di Colognola ai Colli (Sezione di Verona). questo Gruppo, guidato da Agostino Dal Dosso ci ha invato gli auguri di Buone feste.

Gruppo di Firenzuola (Sezione di Firenze): C. Corbatti ed altri tre Alpini di Firenzuola hanno portato personalmente gli Auguri di Fine anno e Buon 2018 agli amici di Collecchio; durante la visita hanno acquistato Parmigiano e sono stati ospitati in sede a Collecchio, dall’Assistenza Volontaria e, per il rancio, dagli Alpini di Sala B.

Gli amici fiorentini nella sede a Collecchio

Amichevole incontro con i firenzuolani a Rufina – Pomino in occasione della trasferta del Coro del Gruppo in ricordo dell’eccidio del 1944 in quei luoghi.

I gagliardetti dei due Gruppi a Rufina – Pomino

Il Gruppo di Firenzuola ha partecipato alla Raduno di Leonessa (RI)che ha visto la presenza di oltre ottomila alpini. Un abbraccio collettivo della città laziale e di tutta la provincia di Rieti ha reso ancora più nella l’Adunata. Un trionfo di partecipazione e solidarietà. E’ la sintesi del raduno delle Penne Nere organizzato a Leonessa dal IV raggruppamento dell’A.N.A., dei Gruppi del centro – sud Italia. Un evento di tre giorni che si è concluso con il passaggio della “stecca” tra il Gruppo di Leonessa e quello di Cosenza, che organizzerà il raduno del 2019. Gli infaticabili Alpini firenzuolani hanno contribuito, unitamente a diverse mogli, alla organizzazione e realizzazione della “Festa della Misericordia” per raccogliere fondi a favore di questa benemerita Associazione che vede diversi di loro Volontari ed anche in posizioni di staff. La Misericordia locale a compiuto 30 anni. Claudio Corbatti (Governatore della Misericordia) ha palesato la sua soddisfazione per l’ottima riuscita dell’evento che ha radunato 1500 persone (foto a fianco). Il ricco menu prevedeva anche 4 quintali di tortelli, la porchetta acquistata da Cascia ed i fagioli di Colfiorito, località colpite da terremoti. Con una parte del ricavato sarà acquistato un monitor elettrocardiografo defibrillatore per le autoambulanze (20.000 E). 100 i Volontari al lavoro.

Un’impressionante immagine della cena benefica per la Misericordia

Gruppo Umbria (Sez. di Firenze): sotto è riportata la testa del periodico “Gavetta e scarpone” del Gruppo Umbria che ci ha fatto gentilmente pervenire l’amico Marzio Medici. Nel giornale sono presentati i tanti impegni di questi bravi Alpini dell’Italia centrale, diversi dei quali sono stati interessati dal recente terremoto. E’ evidenziato anche il servizio che che la loro Protezione Civile ha svolto e tuttora svolge in queste zone e le attività di solidarietà messe in campo.

La testata del giornale del Gruppo Umbria

Sono pervenuti gli auguri di buone feste.

Gruppo di Levanto (Sezione di La Spezia): anche con gli amici spezzini l’amicizia è nata per merito di Evasio Chignoli nel corso di un ben organizzato raduno alpino  in riva al mare. Scambio di Auguri con Roberto Campodonico.

Sezione di Parma: l’Artigliere Renato Aimi è tornato idealmente con la sua “piastrina” a casa! Classe 1911, nato a Golese di Parma, Artigliere del 108° Rgt Art. motorizzata “Cosseria” si salvò miracolosamente dalla guerra di Russia; gli fu conferita la Medaglia di bronzo. Ha compiuto dodici anni di servizio militare. Il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti ed il Vicepresidente sezionale Giorgio Adorni hanno consegnato alla figlia Tiziana, presente con la sua famiglia, la “piastrina” persa da Renato Aimi e miracolosamente recuperata; è stata una cerimonia, svolta nel Municipio della città,  commovente e significativa. Renato Aimi è deceduto a Parma nel 1964. Partecipazione della Sezione al 55° Pellegrinaggio sull’Adamello con il Labaro scortato dal Consigliere Gianni Giuffredi e con diversi gagliardetti. La Sezione A.N.A. di Parma ha organizzato  presso la sede di via Jacobs una manifestazione per ricordare il Tenente Alpino Paolo Racagni (foto sotto) e tutti coloro che hanno preso parte alla tragica spedizione in Terra russa durante l’ultima guerra mondiale.  L’evento è iniziato alle ore 10,00 ed è terminato nel pomeriggio; un programma davvero impegnativo molto qualificante, in relazione al centenario della conclusione della Grande Guerra.  Importante è stata la collaborazione dell’Istituto Superiore “Toschi” di Parma i cui allievi hanno realizzato il busto inaugurato raffigurante il Decorato. Racagni, ingegnere laureato al Politecnico, figlio di un Generale, si arruolò come Tenente nel Corpo degli Alpini nel 1915. Si rammenta che l’Ufficiale fu decorato con Medaglia d’oro al V.M. nel 1918 per essere rimasto ferito mortalmente nella 10^ battaglia dell’Isonzo a seguito di combattimento sul monte Vodice. Nella città di Parma una Scuola Primaria è intitolata a questo eroico Caduto.

Alcune delle opere degli alunni del “Toschi”

Una rappresentanza della Sezione ha presenziato al Raduno organizzato per ricordare la Medaglia d’Oro conferita al Btg. “Aosta” (l’unica del genere) durante la Grande Guerra; contemporaneamente si è tenuto il 1° incontro degli Alpini che hanno fatto parte del Battaglione suddetto  e della Scuola Militare Alpina. Erano presenti il Consigliere Leoni ed Aldo Volpi. Organizzata la mostra “Il rancio del soldato” presso la Camera di Commercio, uno spaccato della cucina al fronte e delle abitudini alimentari dei soldati italiani provenienti da ogni angolo della Penisola; la mostra è stata allestita presso la Camera di Commercio in via Verdi. Celbrata la S. Messa sezionale in ricordo dei soci “andati avanti” nella chiesa dello Spirito Santo accompagnata dal Coro “Monte Orsaro”. Quest’ultimo, insieme al Coro “La Martinella – CAI” di Firenze ed al Coro “Edelweiss ANA” del Monte Grappa – Bassano, con il patrocinio della Sezione di parma, ha proposto un concerto per ricordare i Caduti della Grande Guerra in Duomo con il titolo “Onoriamo e…non dimentichiamo”. La conferenza promossa dalla Sezione con il Prof. Massimo Zannoni ha avuto come filo conduttore lo scacchiere europeo, l’equilibrio geopolitico, l’analisi della propaganda ed altri avvenimenti storici, come la rivoluzione russa e del 1918, anno della “Vittoria” Il Presidente Roberto Cacialli, l’Avv. Cagna ed un folto pubblico hanno fatto da cornice all’importante evento che ha aperto l’anno 2019.

Sezione della Germania: il Presidente Giuseppe Sambucco ci ha fatto pervenire gli auguri.

guardia nella Protezione Civile del Gruppo. Andrea Conti ha passato l’incarico al giovane Emanuele Gatti dopo sei anni di proficua ed impegnativa opera. Da notare che l’età media dei Volontari di Valmozzola è la più bassa fra tutti i nuclei della P.C. sezionale. Ringraziamo Andrea per il lavoro svolto e “in bocca al lupo !” ad Emanuele. Conti ricopre ora Vicecoordinatore della P.C. A.N.A. della Sezione di Parma.

Sezione di Piacenza: a Carpaneto P.no si è svolta la “67^ Festa Granda” 2018 della Sezione. “Solidarietà, fratellanza, senso del dovere e della Patria”; non solo parole ma anche fatti: a Carpaneto è stata data dimostrazione dei valori che accomunano gli Alpini «e di cui un paese civile non può fare a meno. Per la 67^ Festa Granda tremila penne nere, per tre giorni (da venerdì 7 a domenica 9 settembre), hanno affollato il paese e portato colori ed allegria con le esibizioni delle fanfare nei canti tradizionali, le inaugurazioni di mostre fotografiche dedicate alla storia degli Alpini, pranzi e cene in compagnia. Perché è così che portano avanti la tradizione e il ricordo «di chi un giorno ha dato tutto per noi» – ha detto il presidente del gruppo A.N.A. di Carpaneto P.no Aldo Rigolli. C’erano tantissime Autorità, a partire dall’Amministrazione comunale con il sindaco Andrea Arfani, i Sindaci dei Comuni della Provincia, rappresentanti della Prefettura, delle Forze dell’ordine, delle Associazioni militari e combattentistiche. La ”Festa Granda” ha richiamato non solo i “veci” piacentini ma anche le Penne nere della Valle d’Aosta, Piemonte,  Lombardia, Trentino, Veneto, Friuli e Liguria. Il prossimo anno il Raduno sezionale sarà a Cortemaggiore (sotto foto della Festa di Carpaneto P.no).

Sezione Bolognese – Romagnola: ilRaduno delle Fanfare alpine è avvenuto a Forlì organizzato da questa Sezione A.N.A., evento ideato a suo tempo dal Gen. Cesare Di Dato. La foto ds l’ha inviata l’amico Alpino/Carabiniere Francesco Broccio che ha partecipato al raduno suonando nella sua “vecchia” fanfara della Brigata Tridentina. Broccio, attuale Comandante della Stazione dei Carabinieri di Collecchio, è nella foto in primo piano. Lo ringraziano per la sua costante e sincera collaborazione che si è concretizzata anche in questo caso.

L’Alpino/Carabiniere Francesco Broccio di Collecchio suona nella sua “vecchia” Fanfara