Storia del Gruppo

NOTE STORICHE – L’ ATTIVITA’ DEL GRUPPO – I CAPIGRUPPO

Logo Gruppo ciompleto

Il logo attuale del Gruppo ideato dall’Alpino Prof. Paolo Vescovini

Foto per pag 1 storia Gruppo

Il territorio collecchiese è stato da sempre un luogo di Alpini. Mentre in altri paesi della provincia già dagli inizi degli anni Venti cominciarono a sorgere i primi Gruppi Alpini, per Collecchio si deve attendere la fine degli anni Sessanta per vedere un’aggregazione di questo tipo. Essa inizialmente faceva capo ad un Alpino che lavorava nell’appena sorta ditta Parmalat Giovanni Curti che riuscì a raccogliere diversi Alpini, quasi tutti provenienti dalle vicine valli montane per lavorare nell‟azienda stessa. Le poche riunioni avvenivano generalmente in alcuni bar del paese.

Dalla seconda metà degli anni Settanta con il trasferimento di Curti in altro paese, Pierino Pazzoni fu il nuovo riferimento degli alpini Collecchiesi, felicemente coadiuvato da un consiglio formato da anziani e da diversi giovani iscritti. Pazzoni, eletto come capogruppo nel 1984, nel nuovo incarico non dimostrava sicuramente i 70 anni di età: una guerra in Grecia sulle spalle, una vita di lavoro alacre in campagna, un cuore grande come una casa, una generosità proverbiale. Questo era Pierino Pazzoni sia per i veci che per i bocia. Con lui il Gruppo passa a circa 90 iscritti. Egli ebbe la coraggiosa idea (ispirata dall‟amico fraterno Dante Fracassi) di acquisire un prefabbricato dei terremotati friulani di Buja (a cui va ancor oggi la nostra riconoscenza), donato da questo Comune, per farne la sede del Gruppo. Nel Natale del 1985 fu prelevato e trasportato a Collecchio, installato con grande lavoro e molte offerte in denaro di tanti Alpini (Pazzoni in primis) nel 1986. Pazzoni dette impulso al neo nato nucleo comunale di Protezione Civile, al Carnevale, a concrete attività benefiche. Da ricordare anche la consegna del Tricolore a tutte le scuole di Collecchio e frazioni su invito del Presidente Pertini e dell‟A.N.A. nazionale. Purtroppo Pazzoni non ebbe modo di vedere l’inaugurazione della sede che avvenne nel giugno del 1987: infatti nella primavera dello stesso anno “andò avanti” e la sede fu a lui dedicata. Davanti alla sede si erge il significativo monumento in ferro battuto, opera dell’artista Alpino Gerardo Bottura.

Gli iscritti collecchiesi elessero quindi Giovanni Pesci come capogruppo, anch’egli reduce di Grecia e lavoratore dei campi. Portò avanti con passione ed impegno l‟incarico, incrementando ulteriormente gli scritti, fino alla sua morte per grave malattia avvenuta nel novembre del 1988. Gli succedette l’ancor giovane Alpino Evasio Chignoli che ebbe l’arduo compito di portare avanti le tante attività del Gruppo; fu eletto nella primavera del 1989. Con lui furono soprattutto potenziate le trasferte del gagliardetto anche nelle regioni limitrofe (es in Liguria, Toscana, Friuli, Umbria, ecc.), ancor più incentivate le attività di Protezione Civile, sportive e benefiche. Molto importante fu la fondazione del Coro del Gruppo con la collaborazione di diversi esperti coristi locali e della direzione del Maestro Roberto Fasano. In questo modo il Gruppo Alpini fu in prima linea impegnato anche in un‟importante attività culturale per tramandare le tradizioni. Anche Chignoli “andò avanti” agli inizi del 1992 lasciando nella costernazione famigliari ed amici.

La sorella Rita in suo ricordo donò al Gruppo un nuovo gagliardetto. Dopo di lui fu chiamato all‟incarico di capogruppo Achille Bagatti. Egli operò con impegno ed assiduità per portare avanti le tante attività del Gruppo Collecchiese, significative quelle dedicate ai giovani. Egli fu anche chiamato a fare parte del consiglio sezionale. Sotto la guida di Bagatti il Gruppo di Collecchio collaborò concretamente per la realizzazione dell‟Adunata Nazionale di Parma del 2005 che vide anche in paese nei giorni precedenti presenti centinaia di Alpini provenienti da tutta Italia. Inoltre coordinò i preparativi e la realizzazione dell’Adunata provinciale del settembre 2005 a Collecchio. Purtroppo per motivi di salute lasciò l‟incarico nel 2007, mantenendo con merito la carica di capogruppo onorario che tuttora occupa con costante presenza.

Negli ultimi anni gli Alpini collecchiesi sono guidati da Maurizio Motti. Egli persegue gli obiettivi dello statuto dell’Associazione con passione e tanto lavoro, coadiuvato da bravi consiglieri. Molto importante rimane la collaborazione con l’Amministrazione Comunale e l’associazionismo locale per realizzare iniziative benefiche e di solidarietà, mantenendo sempre quelle specifiche del Gruppo inerenti la Protezione Civile, il Coro, le attività sportive (es. lo sci, tiro) e di tempo libero. Il suo impegno in prima persona è anche nel recupero delle trincee del Monte Grappa per la realizzazione del “Museo all’aperto”. Negli ultimi tempi sotto la guida di Motti il Gruppo ha apportato notevoli migliorie alla sede sia per una puntuale messa a norma che per incrementarne la funzionalità. Inoltre è stata aggiornata l‟attività informativa riprendendo la stesura di un notiziario annuale del Gruppo e realizzando un sito, con la sua gestione a cura di un socio. Dal 2015 il Raduno del Gruppo avviene ogni due anni (per intuibili motivazioni); durante quello del 2017, durato tre giorni; hanno collaborato tutte le componenti del Sodalizio. Vi è stato un concerto di Cori e l’inaugurazione del nuovo mezzo per il Nucleo di Protezione Civile A.N.A.

I soci hanno eletto il Capogruppo Maurizio Motti che doveva stare in carica fino a aprile 2020,ed i consiglieri  Achille Bagatti (Capogruppo onorario), Giulio Barbieri, G. Luca Calatafimi, Giuseppe Campi, Aldo Facchinelli, Marco Gambetta, Claudio Magnani, Luigi Peschiera, Pierino Sandolfini, Romano Trauzzi, Fabrizio Zinelli, Davide Gardini, Sauro Dolci, Giuseppe Bigliardi, Luigi Abbati (Segretario), Carlo Chiari e Franco Mondelli. Nel marzo 2018, per motivi di salute, il Capogruppo Maurizio Motti ha rassegnato le dimissioni; il Gruppo è guidato fino alle prossime elezioni che si terranno in autunno dal Consigliere Claudio Magnani (che è anche Revisore dei conti  di Sezione).

Attualmente il Gruppo conta circa 110 soci Alpini, 3 Aiutanti e 87 “Amici degli Alpini”.

IL CONSIGLIO DEL GRUPPO SI RIUNISCE OGNI MARTEDì IN SEDE ALLE H 20,30

img291

Giovanni Curti

img289

I Capigruppo di Collecchio, dopo Curti: Pierino Pazzoni, Giovanni Pesci, Evasio Chignoli, Achille Bagatti (Capogr. onorario), Maurizio Motti

Il nuovo Capogruppo (f.f.) Claudio Magnani – 5° da sin. con Consiglieri e collaboratori davanti alla sede (lug. 2018)

img561

L’indimenticato Capogruppo Pierino Pazzoni ritratto a Longarone (in gita) insieme all’inseparabile amico e socio del Gruppo Angelo Pedretti

veci-del-gruppo

Quattro dei tanti “veci” che hanno contribuito alla nascita del Gruppo Alpini di Collecchio ed alla costruzione della sede sociale: da sin a ds, G. Pesci (divenuto Capogruppo), P. Biacca, G. Savi e G. Cagna con un “bocia”.

sede-smontata-abuja-1985

Il prefabbricato, destinato a sede del Gruppo nel 1987, viene smontato a Buia (UD) prima del Natale 1985.

 

Sede Alpini - foto esterno

L’attuale sede del Gruppo in via 8 marzo a Collecchio (l’accesso è riservato solo ai soci dell’A.N.A.)

Cucina

Una parte della cucina della sede

Salone (75 posti)

Il salone (70 posti a sedere) con bar e TV; a questo si aggiunge un’altra sala con 40 posti circa.

striscione-gruppo

Lo striscione del Gruppo che sfila durante le tante adunate a cui partecipa

monte-grappa-2016

Il Capogruppo Motti guida alcuni soci al lavoro per il ripristino delle trincee sul Monte Grappa

img178

L’annuale S. Messa al campo per ricordare coloro che “sono andati avanti” celebrata davanti alla sede; ha una notevole partecipazione.

img388

Il Capogruppo Maurizio Motti favorisce  i contatti con vari Gruppi della Sezione ed in località dell’Italia e talvolta anche dell’estero.

img316

Il Gruppo è particolarmente riconoscente con chi collabora per la buona riuscita dei vari eventi; nella foto è presente il Presidente sezionale R. Cacialli con alcune addette alla cucina della sede

telethon

Attività di solidarietà e di beneficenza; è il caso della raccolta annuale per Telethon

sci-alpiniadi-2016-valtellina

Impegni sportivi: soci del Gruppo alla gara si slalom organizzata dall’ANA nazionale; oltre allo sci il Gruppo si partecipa anche alle gare di tiro con pistola e carabina

L’Alp. Paolo Milanta alla maratone 2018 di Vittorio Veneto

Paolo ed Andrea Marchica che si distinguono nel tiro (ritratti nel poligono di Parma nel 2018)

pc-foto-festa-del-28-maggio

Protezione Civile; il suo impegno è a carattere comunale e nazionale (dal 1983)

coro-in-chiesa-a-canelli

Colliculum Coro ANA (nella foto all’Adunata Nazionale di Asti); la sua attività risale al 1989

aia

Eventi legati al tempo libero; nella foto la tradizionale “Festa sull’aia d’na volta”; inoltre vengono svolte gite che ottengono sempre ottimo successo.

foto-libro-2

Divulgazione delle attività dell’A.N.A.; il Gruppo ha realizzato diverse pubblicazioni per illustrare quanto le Truppe Alpine e l’A.N.A. hanno realizzato.

Per chi lo desidera sono ancora disponibili poche copie del libro sulla Storia del Gruppo Alpini di Collecchio ad Euro 12,00 cd. Per informazioni chiamare Maurizio Donelli – cell. 3338130255.

Maurizio Donelli e la copertina del libro (da Gazzetta di Parma)

M. Donelli e la copertina del libro
(da Gazzetta di Parma)

L’attuale Capogruppo (facente funzioni) Claudio Magnani

Il Capogruppo facente funzioni Claudio Magnani è coadiuvato dal  Consiglio del Gruppo Collecchio fino all’autunno 2018 FOTO

img415

Luigi Abbati, Carlo Chiari, Franco Mondelli (Aiutanti) consiglieri in rappresentanza dei soci che non hanno svolto il servizio Militare nelle Truppe alpine.

Sponsors del Gruppo Alpini di Collecchio – grazie di cuore si aver sostenuto le tante attività